OPERA:
 

 
Banjō Haran (破嵐 万丈, Hepburn: Haran Banjō), 18 anni. Figlio dello scienziato Sōzō Haran, il creatore dei Meganoid [1], Banjō vive su Marte per 17 anni, fino al giorno in cui la razza cibernetica prende il potere sul pianeta rosso. Durante i suoi trascorsi marziani riceve un'educazione completa che lo forma culturalmente — in particolar modo nel campo della fisica e della chimica — e fisicamente, dove apprende l'arte del combattimento nella spada e nell'arte giapponese del ninjutsu. Dopo la presa di potere dei cyborg creati da suo padre — ossessionato dalla ricerca al punto da trasformare in cyborg anche il fratello di Banjō — partecipa attivamente con la resistenza marziana. La fuga sulla Terra riuscirà grazie al sacrificio di sua madre e l'aiuto del Dottor Minamoto, ex collega di suo padre e scienziato di rilievo nella creazione dei Meganoid. Trafugando la nave spaziale Masarocket, il ragazzo porta con sè sulla Terra un vasto carico d’oro e il possente robot Daitarn 3. Sulla Terra, fa la conoscenza — è tuttora ignoto in quale circostanza — di Garrison Tokita, che diventa il suo alleato più importante svolgendo le mansioni di suo maggiordomo e riallaccia inoltre i rapporti con la Tachibana Konzern, multinazionale che anni addietro finanziò le ricerche di suo padre. Ritroverà così Beautiful Tachibana, figlia del presidente della Tachibana Konzern che si unirà alla causa di Banjō diventando sua assistente. Con la ricchezza accumulata grazie al carico d'oro, Banjō riesce a condurre una vita da ricco filantropo e uomo d'affari stabilendosi a Shin The City, usando la sua lussuosa villa come copertura e soprattutto come base segreta collegata al Masarocket che giace nel fondale marino circostante. Nel corso della missione per liberare le ragazze rapite dal Kommander dei Meganoid Lord Sandrake, il ragazzo fa la conoscenza dell'agente dell'Interpol Reika Sanjō, che diventa la sua seconda assistente dopo aver visto il proprio collega morire sotto i suoi occhi. La conoscenza con il piccolo Toppo [2] a Ellinghton City completerà il gruppo dei suoi assistenti. Impavido, coraggioso e allo stesso tempo dotato di un carattere ironico che cela il suo stato d'animo, Banjō, diventa spietato e cinico con quasi tutti i Meganoid, sentimento che porterà fuori l'enorme odio per suo padre e il terrore vissuto su Marte prima della fuga, che — come ammesso dallo stesso Banjō nel corso dell'episodio 36 — costituisce il suo unico punto debole. Nelle situazioni disperate è comunque capace di esprimere una forza fisica fuori dal normale stupendo gli stessi Kommander. Lo sviluppo di questa forza quasi erculea, nasce soprattutto dalla forza di volontà di Banjō a non essere inferiore al Meganoid, sottolineando come in realtà sia l'essere umano ad essere illimitato e non il cyborg. È probabile che questa sua forza abbia raggiunto il suo apice nella battaglia finale contro Don Zouther [3], materializzandosi — essendo in stato di semi-incoscienza e quindi trascinato dal suo subconscio — sotto forma della voce dell'uomo da lui più odiato, suo padre, che nonostante tutto gli donerà la forza per contrattaccare e sconfiggere il suo più accerrimo nemico. Il suo senso dell’onore lo porta comunque a combattere lealmente contro i diversi Kommander dando così vita a spettacolari duelli tra il Daitarn 3 e i Megaborg. Sentimentalmente non ha alcun legame affettivo, ma suscita spesso le attenzioni di Reika e Beauty che cercano di contenderselo più volte. Al termine dello scontro finale con Don Zouther, tornerà sul Pianeta Terra ma si separerà dal suo fidato gruppo scegliendo di vivere in solitudine nella sua villa a Shin The City.
 

 
FAZIONE:
  • Banjō Haran's Mansion
    (破嵐万丈邸, Hepburn: Haran Banjō-tei)
  • NOME E COGNOME:
  • Banjō Haran
    (破嵐 万丈, Hepburn: Haran Banjō)
  • NICKNAME:
  • The Storm [4]
  • ALTEZZA:
  • 178 cm
  • PESO:
  • 69 kg (152,1 lbs)
  • DATA DI NASCITA:
  • Sconosciuta
  • ETÀ:
  • 18 anni
  • GRUPPO SANGUIGNO:
  • Sconosciuto
  • RAZZA:
  • Marziana
  • PROVENIENZA:
  • Pianeta Marte
  • Pianeta Terra (Giappone)Shin The City
  • RELAZIONI:
  • Beautiful Tachibana (Assistente)
    (ビューティフル·タチバナ, Hepburn: Byūtifuru Tachibana)
  • Garrison Tokita (Maggiordomo)
    (ギャリソン時田, Hepburn: Gyarison Tokita)
  • Reika Sanjō (Assistente)
    (三条 レイカ, Hepburn: Sanjō Reika)
  • Sōzō Haran (Padre)
    (破嵐 創造, Hepburn: Haran Sōzō)
  • Totta Toda (Assistente)
    (戸田 突太, Hepburn: Toda Totta)
  • VOCE GIAPPONESE:
  • Hirotaka Suzuoki
    (鈴置 洋孝, Hepburn: Suzuoki Hirotaka)
  • VOCE ITALIANA:
  • Renzo Stacchi (1a edizione)
  • Massimo De Ambrosis (2a edizione)
  •  

     
  • Buffalo Mill
  • Dai Fighter
  • Dai Tank
  • Mach Attacker
  • Mach Patrol
  •  

     
     

     
  • In ottica Super Robot Taisen, Banjō è uno dei personaggi storici inseriti nel gioco in quanto presente in quasi tutti i capitoli. Ha un ottimo rapporto con tutti i personaggi e spesso si rivela un asso nella manica per via del suo carisma, senso di leadership e delle sue azioni da agente segreto.
  • In Super Robot Taisen V, Banjō può compiere il Boson Jump, un particolare fenomeno che permette il teletrasporto di ogni essere e appartenente all'anime Kidō Senkan Nadesico. Essendo infatti marziano, anche Banjō non è sfuggito all'essere entrato in contatto con il misterioso minerale presente nelle rovine di Marte.
  • Esistono una serie di novelle scritte dal suo creatore, Yoshiyuki Tomino (富野 由悠季, Hepburn: Tomino Yoshiyuki), dedicate a Banjō. Le Banjō Haran's Series vennero trasposte in quattro Sonorama nel 1975.
  •  
     
    [1] Meganoidi nell'adattamento italiano.
    [2] Toppy nell'adattamento italiano.
    [3] Don Zauker nell'adattamento italiano.
    [4] Nickname coniato in Super Robot Taisen Z.